Un piccolo percorso di poesia inedita

“PAGINE DI POESIA”

Pagine di Poesia,

Testi di ROSSELLA GENOVESE

CHE COS’E’ IL MIO AMORE

 

Il mio amore è un cavallo bianco
che galoppa per bere le nuvole
Il mio amore è altalena bianca
che precipita in una voragine
Il mio amore è un fantoccio bianco
di calcare rigato da lacrime
Il mio amore è silenzio bianco
di mille notti in solitudine
Il mio amore è una vela bianca
persa in un mare che non ha limiti
Il mio amore sei tu che mi affascini
proprio perché sai non farti prendere…

 

 

AL SOLE DI LUGLIO

Per il nemico che mi cresce dentro
E incendia le mie mura
Perché sono sconfitta anche se vinco
Perché alla fine niente
Non c’ è niente che conti e non c’è guerra
Che abbia una tregua o un senso.

ROSSELLA GENOVESE
26 novembre 2023

Fiore

Poesie

 

NON FINIRO’ DI SOGNARE

Da tanti anni ho perduto
Il fascino blu della notte,
L’aria immobile di foglie verdi
In una piazza dive affiora il silenzio
Mentre rumori persi impallidiscono.
Da tanti anni non ho più visto l’alba,
Il riposo impigrisce le mie ore,
Perduta è la follia dell’imprevisto…
Prigioniere le voglie
Galoppano sui sentieri del cervello
Nel mio qualunque corpo grigio.
Non tornerò ragazza
Perché non so più correre nel vento
Ma correranno sempre i desideri
Fantasmi amici.
Non finirò di sognare…

 

CODICE PIN 8992

La mia anima è un mare liscio,una tavola
una tabula rasa una pianura senza erba
La mia anima è piatta come un uomo mediocre.
La mia parola è spenta.
Le mie pagine sono un singhiozzo triste
e la mia compagnia è di persone indifferenti.
La mia festa di compleanno è scoccata
è scoccata molte epoche fa…
La mia poesia sguscia via dalle fessure
Stridula fischiando rumori senza senso…
Mi accorgo che ormai non so neanche parlare.
Non so neanche dirti del mio amore…
Ma l’amore per te è un dolore lancinante
È un mostro che galoppa su un cavallo imbizzarrito.
Io sdoppiata lo guardo e non voglio trattenerlo.
Da lui mi vengono solo zampate dolorose.

Ho visto come il respiro si ferma in mezzo al petto.
E un giorno, sdoppiata, amerò quel respiro…
Una parte di me finirà
ma forse l’altra vivrà…

Donna

FURORE

Per le battaglie piene di furore

Che combatto ogni giorno

Per il nemico che mi cresce dentro

E incendia le mie mura

Perché sono sconfitta anche se vinco

Perché alla fine niente

Non c’è niente che conti e non c’è guerra

Che abbia una tregua o un senso….

STASERA MI FACCIO BELLA

Stasera mi faccio bella
E sorrido e vado a una festa
E dentro il tremore mi brilla
di argento nascosto
Stasera mi faccio bella
E vado a sentire parole
che mi verranno buttate
in faccia come sassate
Ed io piangerò di vergogna
Vergogna del nulla che sono
Vergogna di non aver visto
mai giusto
Vergogna bruciante di grasse risate
negli occhi di chi mi ha deriso
di chi mi ha giocato
gettato, bruciato.
Ma io voglio andare alla festa
e voglio godermela tutta.
Ridendo
piangendo e ridendo…

PUNGONO E FANNO MALE NEL MIO SILENZIO I GIORNI

Pungono e fanno male nel mio silenzio i giorni
Cardi ingialliti dentro un quadro oscuro
Dolorante l’anima, dolorante la pelle
Anche se non c ‘é traccia che sia visibile agli occhi…

Pungono i cardi di stelle ingiallite
Dentro un nulla privato di causa ed effetto
Senza speranza senza mare senza vento
Senza sole senza entusiasmo senza gioia…
Punture sottili in varie parti del corpo
Del corpo e dell’anima, ma ,
ma chi mai si infastidisce…
mi alzo ogni mattina come se non ci fosse
un qualcosa di triste che decide per me…

Non ho niente da fare non ho niente da dire
Non so scrivere o amare, ma so impallidire

Sono stufa dei giorni di un padrone di ferro…

Non saprò interloquire, alternativa è il silenzio:
il silenzio mi avvince, il silenzio mi vince..
Ai miei giorni balordi non potrò dare un senso…
mentre è cupo il timore
che quel filo si spezzi…